Centro Studi e Museo della Resistenza Don Enrico Pocognoni

Il Centro Studi “Don Enrico Pocognoni” per la storia della Resistenza e la cultura locale, costituito formalmente nel mese di dicembre 2010 con le finalità di ricerca, esposizione e divulgazione delle tradizioni del territorio e della memoria storica della Resistenza al nazi-fascismo e della lotta di liberazione nazionale.
Il Centro Studi ha anche redatto il progetto di un Museo della Resistenza e del Territorio “Don Enrico Pocognoni”, da allestire nella ex scuola elementare
di Braccano, il cui nucleo centrale sarà costituito dalla rievocazione dell’eccidio di Braccano del 24 marzo 1944 e che sarà articolato e strutturato in cinque sezioni:
a) La cultura e le tradizioni del territorio, con particolare riferimento alla vita nella Villa di Braccano nei primi cinquant’anni del 1900 e al tipico lavoro
dei carbonai sulle pendici dei monti San Vicino e Canfaito.
b) Lo sviluppo dei movimenti popolari per il progresso dei lavoratori della terra nell’alto maceratese, anche in relazione alla partecipazione dei contadini alla lotta antifascista e alla Resistenza.
c) La nascita del fascismo nel territorio di Matelica, i protagonisti  dell’antifascismo e le attività di opposizione durante il ventennio del regime.
d) La Resistenza al nazi-fascismo, dall’8 settembre 1943 alla liberazione dell’area del San Vicino: protagonisti e fatti della Resistenza locale, deportazioni nei campi di prigionia e di lavoro coatto ed altri
aspetti collegati.
e) Il Dopoguerra a livello locale: le problematiche della costruzione delle nuove istituzioni democratiche e della ripresa economica, il movimento contadino e le lotte sociali fino ai primi anni Cinquanta.
Il progetto prevede anche la strutturazione degli spazi esterni e il collegamento con la Villa di Braccano e con il Parco storico della Resistenza che sta prendendo avvio all’interno della Riserva Naturale Regionale dei monti San Vicino e Canfaito: monumento alle vittime dell’eccidio, tomba di don Enrico Pocognoni, “sentieri dei partigiani” e percorsi naturalistici in montagna, ex abbazia di Roti, “monumento del Partigiano” (dedicato al cap. Salvatore Valerio), per una lettura del territorio a più livelli: storico, artistico, culturale, ambientale.
Il Museo ed il Parco proporranno alle giovani generazioni, armonizzandoli in un’ottica di formazione umana e di sviluppo culturale-turistico, obiettivi e valori irrinunciabili ed essenziali per la nostra società e la nostra vita quali la salvaguardia della natura e dell’ambiente, la riscoperta e la promozione delle
tradizioni e della cultura del proprio territorio, la memoria della Resistenza e dei suoi ideali eterni di libertà, giustizia sociale, dignità del lavoro e diritti
dei lavoratori, pace.

Museo Braccano PLANIMETRIA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...